Villacidro, in corso la stagione invernale 2014 e sono già polemiche

Locandina galoppo Villacidro 2014Al via anche quest’anno la stagione invernale dell’Ippica a Villacidro, con due corse, disputate a Novembre, e una disputata il primo sabato di dicembre.

Nonostante manchino ancora tre delle giornate previste (si correrà ancora il 12, il 19 e il 27 dicembre), sono già tante le polemiche sentite durante questa stagione, a causa della sospensione della seconda giornata dopo la quinta corsa per motivi ignoti, legati al giro delle scommesse internazionali.

A causa di movimenti non chiari sulle scommesse, la giornata è stata sospesa dopo quattro delle sei corse previste su indicazione di SOGEI, società che gestisce i sistemi informatici del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Si parla di una truffa che nelle prime quattro corse ha fruttato agli scaltri scommettitori cifre sull’ordine del milione di euro.

E’ stato tanto il disappunto degli operatori e del pubblico alla notizia della sospensione, sapendo che questo genere di episodi rappresentano non solo una perdita economica, ma anche di immagine per un settore peraltro già in crisi da tempo.

Non rimane che godersi le prossime giornate, sperando nella buona riuscita e nel sano divertimento.

Scarica i libretti delle corse

Annunci

Sant’Efisio 2014: già polemiche aspettando il ritorno

Già polemiche per la sagra di Sant’Efisio 2014, ma stavolta riguardano il benessere dei cavalli

La festa di Sant’Efisio, giunta ormai alla 358^ edizione, non è mai stata esente da polemiche e probabilmente non lo sarà mai.

sant'efisio2014_cavallo_magroQuest’anno, però, le polemiche sono di carattere diverso. Subito dopo la sfilata, alcune foto fatte dai numerosi spettatori hanno evidenziato delle situazioni fisiche di alcuni cavalli che possono essere definite, se non altro, “critiche”.

La maggior parte dei numerosissimi cavalli partecipanti, appartenenti a 38 diversi gruppi più 4 gruppi di miliziani  sono bellissimi esemplari eccellentemente tenuti.

Tuttavia, tra questi spiccano almeno due casi che fanno riflettere sul senso di responsabilità dei proprietari che li hanno fatti partecipare alla processione.

Involontariamente, questi proprietari hanno alimentato le polemiche sul benessere degli animali, scatenando le ire del pubblico dei social network e le critiche all’organizzazione della manifestazione e al servizio veterinario, in altri anni molto attento a impedire l’uso di speroni e frustino durante la sfilata. Il caso ha avuto un pessimo ritorno d’immagine tra il pubblico e ha suscitato giustamente anche l’indignazione degli altri cavalieri partecipanti.

sant'efisio2014_cavalla_gravida

A parte appellarsi al buon senso dei proprietari, sicuramente uomini di cavalli esperti, il servizio veterinario si dovrebbe occupare di garantire il benessere degli animali, verificandone le condizioni fisiche alla partenza e all’arrivo, non limitandosi ai controlli sui passaporti.

Ferratura, zoppie, condizioni generali, battito e respiro sono indicatori ben più importanti della scadenza di un vaccino passata da trenta giorni.

Purtroppo, la presenza di casi così eclatanti rovina l’atmosfera della festa e l’orgoglio che si prova nel vedere una così ampia partecipazione da parte di tutta la Sardegna, per rendere omaggio al Martire Glorioso.

 Ph credits: facebook.com e unionesarda.it

Aria di…Sartiglia

Uno degli eventi più conosciuti e spettacolari del carnevale sardo, anche quest’anno Sa Sartiglia ha regalato emozioni sempre nuove al numeroso e variegato pubblico.

Saperne di più sulla Sartiglia

Emozioni in Galleria – Sa Sartiglia 2014

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sa carrela ‘e nanti: il carnevale di Santu Lussurgiu

sa-carrela-e-nanti-santu-lussurgiuGrande appuntamento per il carnevale di Santu Lussurgiu, il 2, il 3 e il 4 marzo, organizzato dall’Associazione dei Cavalieri e dall’Ammistrazione comunale, che quest’anno ha supportato la manifestazione mettendo a disposizione una cifra considerevole intorno ai 100.000 Euro.

A differenza di altre manifestazioni equestri, come la Sartiglia di Oristano e l’Ardia di Sedilo, Sa carrela ‘e nanti non è supportata da finanziamenti regionali, basandosi sullo sforzo economico del Comune, dei soggetti privati che vogliano volontariamente contribuire e dall’ospitalità del vicinato. Un impegno importante di cui tutti i sardi dovrebbero essere grati, per perpetrare una tradizione che risale ai tempi del Giudici di Arborea.

La dimostrazione di abilità equestre e di balentia si svolge su tre giornate. Il percorso è quello della via principale, l’attuale via Roma, da cui prende il nome la corsa. Essenziale essere mascherati ed avere dei cavalli impeccabili nella bardatura, oltre che montare con eleganza durante tutta la discesa.

Si inizia la domenica di carnevale, quando i cavalieri si presentano a s’iscappadorzu, punto di inizio della corsa, a pariglie di due o di tre cavalli, o a sa sola. Il lunedì è chiamato “Su lunisi ‘e sa pudda“, durante la corsa i cavalieri devono abbattere con un bastone (su fust”e ortzastru) una gallina di pezza, sospesa sopra la metà del percorso. Il martedì si ripete la corsa con le pariglie che possono essere anche a quattro e si premiano i migliori cavalieri, per i costumi, la balentia o altre ragioni a discrezione della giuria segreta.

Anche la folla partecipa alla manifestazione, disponendosi lungo il tracciato e incitando i cavalieri, contribuendo allo spettacolo e all’emozione della corsa.

Fonte: Comune di Santu Lussurgiu

Corri in pista con un fantino: il video

Ti sei mai chiesto cosa prova un fantino a correre in pista?

Vivi l’emozione con questo video! Un minuto di pura adrenalina a presa diretta, dalla telecamera sul casco di John Velazquez.

Ottobre, 5 2013

John Velazquez indossa una telecamera sul casco, durante la corsa nell’anello di Keenland. Monta Greyfell, un castrone di due anni, che arriva terzo dopo una emozionante rimonta!